Fascicolo Sanitario Elettronico regionale

I documenti riguardanti la salute degli assistiti sempre disponibili, in formato digitale. Regione del Veneto, in collaborazione con le aziende sanitarie ed ospedaliere, IOV e Azienda Zero ed il supporto del Consorzio Arsenàl.IT, ha sviluppato Sanità km zero. Grazie alla riorganizzazione dei sistemi informativi ed informatici è ora possibile far viaggiare sempre più i dati anziché le persone.

Con la conversione in Legge del Decreto Rilancio (Decreto-Legge n. 34/2020 convertito con modificazioni dalla L. 17 luglio 2020, n. 77) sono state apportate diverse novità rilevanti per il Fascicolo Sanitario Elettronico. In particolare è stata disposta l’eliminazione del consenso all’alimentazione del Fascicolo a far data dal 19/05/2020. Questo significa che il cittadino non dovrà più richiedere esplicitamente l’attivazione del proprio FSEr: quest’ultimo sarà alimentato, per tutti gli assistiti, con i dati e documenti disponibili a partire dal 19/05/2020 (data entrata in vigore della legge) in avanti.

L'attività di raccolta permane per quanto riguarda il consenso alla consultazione: con questo consenso il cittadino permetterà ai soggetti autorizzati di avere accesso ai propri dati e documenti per finalità di cura e per il solo tempo necessario ad attuare il percorso sanitario.

Il cittadino può gestire il proprio consenso dalle impostazioni del proprio profilo personale all'interno dell'app Sanità km zero Ricette, dal portale Sanità km zero Fascicolo oppure rivolgendosi all'Ufficio Relazioni con il Pubblico della propria ULSS, o al proprio Distretto Sanitario di riferimento.

I servizi Sanità km zero si basano sul Fascicolo Sanitario Elettronico regionale (FSEr), insieme dei dati socio-sanitari digitalmente disponibili dell'assistito e relativa documentazione come, ad esempio, i risultati degli esami, le ricette farmaceutiche e specialistiche, il certificato vaccinale.

Questo sito è ottimizzato per IE7, Firefox 3 e superiori.