Fascicolo Sanitario Elettronico regionale

Sanità km zero, ovvero far viaggiare i dati anziché le persone.

I documenti riguardanti la salute degli assistiti sempre disponibili, in formato digitale. Tutto questo sarà presto realtà: la Regione del Veneto, in collaborazione con le aziende sanitarie ed ospedaliere, IOV e Azienda Zero ed il coordinamento del Consorzio Arsenàl.IT, sta sviluppando una “Sanità km zero”. Grazie alla riorganizzazione dei sistemi informativi ed informatici è ora possibile far viaggiare sempre più i dati anziché le persone.

La “Sanità km zero” si basa sul Fascicolo Sanitario Elettronico regionale (FSEr), archivio digitale contenente la storia socio-sanitaria dell’assistito e relativa documentazione come, ad esempio, i risultati degli esami e le ricette farmaceutiche.

I dati contenuti nel Fascicolo sono disponibili in qualsiasi momento, ovunque. Questo consente ai professionisti sanitari, previo il rilascio dei consensi da parte del cittadino, di consultare le informazioni riguardanti il percorso di cura dell'assistito per il tempo strettamente necessario.

Per attivare il Fascicolo Sanitario Elettronico regionale è necessario aver rilasciato il consenso al medico di medicina generaleSe il cittadino è in possesso di credenziali SPID può scaricare l'app Sanità km zero Ricette e rilasciare autonomamente il consenso nella sezione dedicata del profilo personale.
Consulta la guida all'uso.

Il primo servizio “Sanità km zero” è già disponibile: grazie a una app sarà possibile ritirare i propri farmaci in farmacia direttamente con lo smartphone o con la tessera sanitaria. Scopri come e cosa cambia per il farmacista.

Questo sito è ottimizzato per IE7, Firefox 3 e superiori.