GE.MIN.I.

La Regione del Veneto, al fine di poter svolgere le attività di riflessività, programmazione e monitoraggio, ha sviluppato negli anni la rilevazione e raccolta di informazioni relative ai bambini e ragazzi inseriti in contesti di accoglienza come comunità e famiglie affidatarie.

Tali rilevazioni hanno reso possibile nel tempo lo sviluppo di nuove riflessioni relativamente ai processi di cura e protezione, ma anche il sostegno concreto nell’attivazione dei percorsi di accoglienza. A titolo di esempio, le delibere della giunta regionale dedicate allo stanziamento del Fondo per le iniziative a tutela dei minori in situazione di disagio e inserimento presso famiglie affidatarie, ne hanno definito la ripartizione attingendo nello specifico dal sistema di rilevazione regionale Ge.min.i., applicativo all’interno del quale i servizi territoriali del pubblico e del privato sociale inseriscono i dati da loro raccolti sui minori in affidamento familiare e strutture di accoglienza.

È all’interno del presente Portale sociale che si colloca appunto l’applicazione Ge.min.i., qui presentata in una nuova visualizzazione, alla quale hanno accesso i servizi tutela minori territoriali, i centri per l’affido e la solidarietà familiare e gli enti gestori di strutture di accoglienza.

 

Avviso Importante:

Il sistema è inattivo in attesa di una nuova modalità di raccolta dati per la sezione Affido. La direzione servizi sociali provvederà a contattare i referenti non appena ci saranno novità.

 

Attraverso la raccolta delle informazioni richieste, si delinea la possibilità di ricostruire, sempre più fedelmente, innanzitutto le caratteristiche della popolazione coinvolta da tali processi e in seconda analisi gli interventi di protezione e cura attivati. Tale definizione si propone quindi come primo fondamentale tassello a disposizione dei tavoli e delle attività di riflessione attivi a livello regionale e locale, e come premessa fondante per l’elaborazione di nuove linee programmatiche e di indirizzo.